Sei in: Home » Rassegna Stampa

Rassegna Stampa

Resoconto Assemblea UdC

14/3/2016 8:23:51

Il doveroso e sentito ricordo di Marcello Minozzi, scomparso un anno fa, che fu il primo presidente dell’Unione dei Comuni, dopo aver “traghettato” l’allora Comunità Montana verso l’attuale veste istituzionale.

 



Il doveroso e sentito ricordo di Marcello Minozzi, scomparso un anno fa, che fu il primo presidente dell’Unione dei Comuni, dopo aver “traghettato” l’allora Comunità Montana verso l’attuale veste istituzionale. L’assemblea dell’ente comprensoriale tiberino di martedi scorso ha aperto i suoi lavori con l’omaggio rivolto dalla presidente Frullani, dall’assessore Romanelli e dal consigliere Menichella “ad un politico vero e appassionato, che si è speso molto per la Valtiberina e i cui insegnamenti ci guidano ancora oggi”. A seguire il dibattito, inaugurato dall’intervento del consigliere Moretti il quale ha chiesto di prendere posizione in merito allo stato deficitario in cui versano le strade di collegamento da e per la vallata, con particolare riferimento alla E78. E’ stata poi la volta dell’assessore Santucci che ha sollevato la questione Poste. “Abbiamo saputo tramite lettera – ha spiegato il sindaco di Badia Tedalda – che dal mese di aprile il servizio, per certi piccoli comuni come il nostro, subirà una contrazione nella consegna di lettere e pacchi agli utenti dato che verrà effettuato a giorni alterni. Occorre far sentire la nostra voce, di concerto con l’Uncem, perché qui stiamo assistendo ad una progressiva e continua opera di smantellamento di tutti i più elementari servizi soprattutto nelle zone di montagna”. Approvato all’unanimità il punto concernente l’azione di tutela del distretto di zona della Valtiberina, a fronte della riforma socio-sanitaria emanata dalla Regione Toscana. “Le decisioni assunte lontano – ha detto la presidente Frullani – e che prevedono il ridisegno delle Asl in Toscana, con Arezzo che farà parte di un’area vasta assieme a Siena e Grosseto, comportano sempre la diminuzione delle capacità di incidere per i territori più marginali. Per questo la battaglia sul mantenimento del distretto deve essere comunque forte”. Approvata infine, anche in questo caso all’unanimità, la nuova convenzione con il “Consorzio 2 Altovaldarno”.

Ufficio stampa